L'alchimista - Bottega Malatini
232
post-template-default,single,single-post,postid-232,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

L’alchimista

L’alchimista

A metà tra la storia e la leggenda, metà chimico e metà stregone, l’alchimista è stato spesso protagonista di racconti, sempre misteriosi. La sua maestria era quella di saper usare elementi naturali che, combinati insieme, creavano delle ‘pozioni’: ognuna diversa, ognuna unica. Mauro Malatini, civitanovese, è un alchimista moderno, laureato in Scienze Erboristiche ma troppo fantasioso e creativo per essere un farmacista e così…


Scovare le particolarità, qualcosa di diverso, qualcosa che riprenda pezzetti di storia e li renda attuali. E’ forse la parte più diversa di chi di mestiere racconta, ciò che vede, ciò che ascolta, ciò che l’incuriosisce.
La figura dell’alchimista mi ha sempre affascinata: il potere di vedere oltre e dentro le persone, di interpretare la loro psiche in un certo senso, di unire la scienza all’esoterismo.
‘L’alchimia è un antico sistema filosofico esoterico che si espresse attraverso il linguaggio di svariate discipline, come la chimica, la fisica, l’astrologia, la metallurgia e la medicina, lasciando numerose tracce nella storia dell’arte. Il pensiero alchemico è altresì considerato da molti il precursore della chimica moderna prima della nascita del metodo scientifico’: wikipedia definisce così questo qualcosa di strano e meraviglioso allo stesso tempo.

Quando mi hanno parlato di Mauro Malatini, me lo hanno descritto come un ragazzo curioso ed intraprendente che di una sua passione aveva voluto fare un lavoro, particolare e davvero poco usuale nella nostra regione ma forse proprio nel nostro periodo storico. Il motivo che mi ha spinto a prendere registratore, macchinetta fotografica e penna per andare da lui è stato questo: pensavo di raccontarvi la storia di un giovane che ha voluto lasciare un lavoro sicuro e abbastanza redditizio, quello del farmacista, per ritornare un po’ indietro nel tempo ed aprire una bottega di profumi, fatti da lui, unici e creati sulla persona. Niente Chanel, Dior o Cavalli. Niente scaffali con bottigliette tutte uguali, strane, accattivanti ma tutto sommato abbastanza omologate le une dalle altre. La storia della profumeria selettiva ‘contro’ quella commerciale.
Insomma ancora una volta, il potere dell’idea e dell’ingegno, del recupero di un mestiere antico, un ponte che unisce saperi della tradizione al presente, ridando valore all’unicità ed all’eccellenza.
E la storia di Mauro è anche questa. Ma fin da subito i confini del mio viaggio tra essenze, odori, immagini evocate e emozioni, si sono piacevolmente allargati, facendomelo appunto immaginare come un’alchimista, uno in grado non solo di consigliarti e crearti la fragranza fatta apposta per te ma di indagarti l’anima, di aiutarti a scavare un po’ dentro di te, sfruttando il potere dell’olfatto, il senso più potente tra tutti i nostri, ma spesso anche il più sottovalutato.
Psicologia, chimica, estetica, meditazione, filosofia si sono ritrovate intrecciate nel suo racconto, tenute insieme da qualcosa di fondamentale: le radici.

 

Continua a leggere…

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.